Orientarsi in biblioteca

Per entrare in biblioteca è necessario:
  • Avere 16 anni di età
  • Presentare un documento di identità valido
All'ingresso:
  • Viene consegnata la carta di entrata, che va riconsegnata compilata all'uscita
  • Le borse, le cartelle, gli zaini vanno depositati negli appositi armadietti e la chiave va restituita ogni volta che ci si allontana e, ovviamente, al momento dell'uscita.
Una volta entrati:
  • Per cercare un libro o un periodico:

  1. La prima cosa da fare è consultare i cataloghi della Biblioteca tramite quello a schede, per le pubblicazioni catalogate prima del 1990,  e quello on-line, attraverso la postazione appositamente allestita, all'indirizzo http://opacbiblioroma.caspur.it/ per i volumi entrati in biblioteca dopo il 1990. Per le opere edite fino ai primi anni '90 del secolo scorso si consiglia di interrogare entrambi i cataloghi
  2. Se si conosce l'autore dell'opera la ricerca verrà fatta nel catalogo per autori, se se ne conosce soltanto l'argomento, nel catalogo per soggetti. Si ricorda che i libri pubblicati prima del 1830 e  i periodici non sono presenti nel catalogo per soggetti
  3. Trovata la pubblicazione che si cerca, si riempie il modulo predisposto, reperibile presso il bancone della distribuzione, riportandovi autore, titolo, data e collocazione (sigla composta di lettere e numeri, indicata in alto sulla scheda o, nel catalogo on-line, nel campo localizzazione) e lo si consegna al bancone stesso
  4. Se l'opera che si cerca non risulta posseduta si può consultare il Catalogo collettivo delle biblioteche italiane che aderiscono al Servizio Bibliotecario Nazionale SBN  che comprende i cataloghi della maggior parte delle biblioteche italiane.
  • Per usufruire del servizio di prestito è necessario iscriversi dimostrando di essere residenti nella regione Lazio e presentando all'Ufficio Prestito un documento d'identità accompagnato da due fotografie formato tessera; per i non residenti nella regione, purchè studenti presso una delle Università del Lazio,  occorre anche esibire le ultime tasse universitarie pagate. Si ricorda che sono escluse dal prestito tutte le pubblicazioni anteriori al 1950, le pubblicazioni periodiche, i libri collocati nelle sale si condultazione e alcuni fondi particolari.  Per maggiori informazioni si veda la pagina Servizi-Prestito

  • E' possibile richiedere riproduzione del materiale consultato, nel rispetto della normativa vigente sul diritto d'autore (Legge n.248/2000), in misura non superiore al 15% di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità.
    E' possibile il superamento di questa quota solo nel caso di opera fuori dai cataloghi editoriali. 
    Non si effettuano fotocopie di pubblicazioni anteriori al 1950 compreso, dei giornali e di tutte quelle pubblicazioni di cui, per esigenza di tutela e conservazione è sconsigliata la riproduzione. In questi casi è possibile ottenere riproduzioni in microfilm o in formato digitale. Per maggiori informazioni si veda la pagina Servizi-Riproduzioni

  • Se si è interessati a redigere una bibliografia, identificare opere di cui non si hanno dati precisi, o che non sono presenti in biblioteca e vanno quindi reperite altrove, e per qualsiasi altra informazione è possibile rivolgersi  all'Ufficio Informazioni Bibliografiche.

  • In biblioteca è attiva un'area wireless per tutti coloro che possiedono la password dell'Università "La Sapienza", che permette di navigare liberamente in internet sui propri computer o su quelli che la Biblioteca mette a disposizione degli utenti. Dal  computer destinato al pubblico  è possibile accedere solo ai siti culturali selezionati nel programma Preferiti : opac della biblioteca, SBN, Internet culturale.

Come comportarsi in biblioteca

La Biblioteca Alessandrina, che è un istituto del Ministero per i  Beni e Attività Culturali, mette a disposizione degli studenti universitari un certo numero di posti per studiare con i propri libri. Essendo tale numero limitato, è necessario occupare un solo posto.
In biblioteca  si parla a voce bassa per non disturbare chi studia, non si sosta nei corridoi e non si usa il telefono cellulare, che dovrebbe essere spento prima di entrare. Il computer situato nel corridoio è adibito esclusivamente alla consultazione del catalogo online della biblioteca. In nessun locale è permesso introdurre cibi bevande.
Il rispetto del regolamento interno e osservare le più comuni norme di  buona educazione renderà possibile un servizio migliore.